photo il blog tra immagini e parole_zpsqgtslwns.gif

mercoledì 30 marzo 2016

sono le nozze del giorno

Scommetto che la prima cosa che vi viene in mente è una famosa pubblicità, prima ancora della poesia di Neruda.

Io invece mi riferisco alle nozze avvenute esattamente 79 anni fa, il 30 marzo del 1937, tra due giovani belli e pieni di speranze che si amavano alla follia.

Si erano conosciuti quattro anni prima su una delle vie più famose che portano alla bella e medioevale Bergamo Alta, quando lei aveva solo 17 anni e lui 20, e iniziarono a frequentarsi fugacemente e di nascosto perchè lui, essendo piacentino di nascita e cresciuto poi a Trieste, era considerato dai genitori di lei un "forestiero" di cui diffidare.

Tanto lei era bella in maniera quasi selvaggia, indomita e ribelle quanto i suoi ricci neri, tanto lui era carino, schivo e timido, romantico e sognatore.

Nessuno avrebbe scommesso su un assortimento caratteriale  così strano, ma se è vero che gli opposti si attraggono la storia doveva andare avanti...e così fu!

Il matrimonio, la vita di coppia in due piccolissime stanzette in un sottotetto , il lavoro duro per realizzare il sogno di essere genitori e costruire una bella casetta tutta per loro.

E arrivò la prima figlia, poi la seconda, e poi la terza; arrivò anche la casa con un bel giardino, e poi il tanto desiderato figlio maschio...che sopravvisse solo 17 giorni per un difetto congenito che oggi sarebbe curato in pochissimo tempo.

A distanza di anni arrivò infine un'ultima figlia, amata e coccolata dai genitori e dalle sorelle.

Fin qui sembra la classica storia da mulino bianco, ma un matrimonio è spesso condito da tristezze e dispiaceri, e anche a questa bella coppia non sono certo stati risparmiati.

Ma sono sempre andati avanti, sorreggendosi a vicenda e amandosi ogni giorno come il primo giorno, lasciando alle loro figlie un'eredità spirituale che parlava di amore, di rispetto e di compassione...nel senso più autentico del termine. 

Li ha potuti dividere solo la morte, avvenuta per lui nel 1975 e per lei nel 2006, e nell'arco di quei 31 anni lei non ha lasciato che trascorresse un solo giorno senza parlare del suo grande amore.

Questi sono loro, i miei genitori, in una foto degli anni '40 , e io sono l'ultima di quelle quattro sorelle....
 
 
 
 

31 commenti:

  1. Che coppia meravigliosa cara Sontyna, sia per l’aspetto esteriore che quello dell’anima… hanno saputo trasmettere i veri valori che contano oltre le varie sfumature della vita…
    Il vero Amore mi ha sempre affascinato, quel sentimento VERO che riesce a tenere unite due persone fino alla morte, e chissà se anche oltre…
    Il tuo racconto di vita mi ha commosso… sicuramente nel tuo cuore oggi festeggerai per loro…
    Un abbraccio forte Sontyna, augurandoti una lieta giornata

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ho sempre festeggiato questo giorno...perchè dal quel giorno ha origine anche la mia storia. Un abbraccio!

      Elimina
  2. Bellissimo racconto! Anche io ammiro ed amo la storia dei miei genitori, ormai insieme da 44 anni. Hanno superato insieme tanti ostacoli e sono ancora qui insieme... Storie che oggi non possiamo che apprezzare ed imparare da loro!
    Un bacio,
    peonynanni.blogspot.it

    RispondiElimina
    Risposte
    1. E' proprio così...è con l'esempio che si insegna l'amore!

      Elimina
  3. Ciao Sontyna!! Ci credi che leggendo le tue parole mi sono commossa?? Che bella coppia i tuoi genitori , e quello loro si che era vero Amore!! Davvero una bellissima storia d'amore..un abbraccio fortissimo e un bacione Manu

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Sai che scrivendo non ho fatto altro che asciugarmi gli occhi e soffiarmi il naso?? E sì che la storia la conosco...ma ogni volta raccontarla mi commuove. Un abbraccione!

      Elimina
  4. Ciao Sontyna, che meraviglia la storia dei tuoi genitori... un bell'esempio di Amore Vero ed Eterno ....raro oggi come allora
    .
    Gio

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Sì cara Gio, un amore così vero è proprio merce rara!

      Elimina
  5. che belli che erano i tuoi genitori e che foto... adoro il bianco e nero!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Tra le tante foto che possiedo dei miei genitori, questa è in assoluto la mia preferita: li trovo fantastici!

      Elimina
  6. CHE BELLA STORIA D'AMORE, UN ESEMPIO PER TUTTI!!!!BACI SABRY

    RispondiElimina
    Risposte
    1. ...e ora noi figlie cerchiamo di riportare quell'esempio nelle nostre famiglie!
      Bacione a te cara

      Elimina
  7. Complimenti per questa bellissima storia d'amore che ci hai raccontato. Sicuramente hanno saputo trasmettere, con il loro esempio, tanti valori positivi . Un saluto

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grazie cara Mirtillina, un salutone a te :)

      Elimina
  8. Anche io mi sono commossa e sento addosso una grande dolcezza.
    Ed ho pensato inevitabilmente ai miei genitori.
    Il mio babbo ci ha lasciato quattro anni fa, dopo 57 anni di matrimonio e 9 di fidanzamento e a ottan'anni ancora regalava rose rosse alla mamma.
    Un abbraccio
    Emanuela

    RispondiElimina
  9. Questo commento è stato eliminato dall'autore.

    RispondiElimina
  10. bella storia, Sontyna epoi...scopro forse che sei di Bergamo??? Anche io!!!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Evviva ho trovato una mia concittadina! :)

      Elimina
    2. Io immediata periferia, primo paese della valle seriana! Siamo vicine 😊

      Elimina
  11. bella storia, Sontyna epoi...scopro forse che sei di Bergamo??? Anche io!!!

    RispondiElimina
  12. Che bella storia! Commuove e fa riflettere su quanto l'amore, quello vero, sia per sempre, anche oltre la barriera della morte. Bellissima la fotografia dei tuoi genitori, sembrano due divi del cinema di quegli anni.
    Un abbraccio.
    Antonella

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Anch'io li ho sempre visti come attori in quella foto!

      Elimina
  13. Che bella storia, mi ha fatto riflettere tantissimo, sui sacrifici e lotte per amore che le coppie odierne non sanno cosa significa. In un mercatino di facebook ho trovato dei guantiNi anni 50 ,li vendeva una signora dicendomi che erano della madre e le ho chiesto se potevo osservarla in qualche foto, visto che è morta nel 2008 all'età di 95 anni. Mi ha mostrato un'immagine dei suoi genitori simile ai tuoi... loro erano di Roma.
    Grazie ancora e buon pomeriggio

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Vero...per questo parlavo di compassione!

      Elimina
  14. Che bella storia, mi ha fatto riflettere tantissimo, sui sacrifici e lotte per amore che le coppie odierne non sanno cosa significa. In un mercatino di facebook ho trovato dei guantiNi anni 50 ,li vendeva una signora dicendomi che erano della madre e le ho chiesto se potevo osservarla in qualche foto, visto che è morta nel 2008 all'età di 95 anni. Mi ha mostrato un'immagine dei suoi genitori simile ai tuoi... loro erano di Roma.
    Grazie ancora e buon pomeriggio

    RispondiElimina