photo il blog tra immagini e parole_zpsqgtslwns.gif

martedì 19 aprile 2016

cosa cucino oggi?


E' l'annoso dilemma di noi donne, che ogni santo giorno ci dobbiamo preoccupare di cosa mettere in tavola per i nostri cari e per noi stesse.

Negli ultimi anni siamo state travolte da "mode" culinarie più o meno passeggere ma che comunque un pochino ci hanno influenzate:  macrobiotica, biologica, etnica, molecolare, vegetariana se non addirittura vegana, la nouvelle cuisine, e chi più ne ha più ne metta.

Una volta ho voluto preparare uno di quei piatti (peraltro elaboratissimi e con ingredienti dai nomi impronunciabili) dove devi andare a cercare la pietanza sotto una foglia di lattuga, e mio marito mi ha commosso guardandomi con due occhi da basset hound...

                                  http://www.bassethound.it/images/288_ok.jpg

...e dicendomi: "ma a me bastavano due spaghetti aglio-olio"...

Detto ciò, suppongo che ciascuna di noi abbia in cucina il suo "vangelo" da cui attingere per qualche nuova ricetta o semplicemente per verificarne un certo passaggio o ingrediente.

Personalmente ho vari libri di cucina, tra cui i famosi Cucchiaio d'Argento e La Pentola d'Oro...

http://pictures.abebooks.com/BIBLIOTECADIBABELE/md/md18163504143.jpg     http://image.anobii.com/anobi/image_book.php?item_id=01c8ab35061ac0ad53&time=&type=4  

...nonchè tutta una serie di piccole enciclopedie e dispense, però il libro al quale mi affido più frequentemente apparteneva a mia mamma, è stato stampato nel 1965 ed era stato distribuito insieme ad una rivista che allora era molto facile trovare nelle famiglie e che si chiamava "Madre".

Qui trovo le ricette base della nostra impareggiabile buona cucina italiana, sorrido guardando le sobrie pubblicità dell'epoca e soprattutto sento la mia mamma più vicina ♥

Vi lascio qualche foto del mio libro-guida, e vi auguro una felice settimana











28 commenti:

  1. In effetti anch'io consulto i libri di cucina di mia madre, che hanno anni e anni. Anche i libri di Suor Germana non sono male, ho fatto molte ricette e mi son venute sempre bene e, in più, non son complicate. Ho anche tre libri di Benedetta Parodi ma li ho usati pochissimo. Il fatto è che lavoro, magari torno tardi, tempo e voglia di cucinare ce ne son pochi !! Ciaoo

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Anch'io quando lavoravo non potevo dedicare molto tempo alla cucina, così la domenica per recuperare mi mettevo ai fornelli dall'alba!

      Elimina
  2. Ma che bel libro, mi piacerebbe avere una piccola collezione di ricette ma non ho mai tempo per provarle!
    Sara
    www.shoeplay.it

    RispondiElimina
  3. Questo commento è stato eliminato dall'autore.

    RispondiElimina
  4. C'è stato un periodo in cui amavo comprare riviste e dispense, ed ho il mitico Cucchiaio d'Argento che rappresenta il top.
    Poi ho smesso, non so perchè. Diciamo che nel cucinare sono molto basica :))
    Però amo i libri di cucina di una volta, e quando vado nei mercatini dell'usato mi piace sfogliarli :)

    Baci!!

    Laura

    RispondiElimina
    Risposte
    1. L'essere basici in cucina va sempre bene cara Laura!

      Elimina
  5. Veronelli Carnacina
    "la buona vera cucina italiana"
    (non ho voglia di alzarmi a vedere il titolo giusto)
    e amche l'Artusi edizione anteguerra
    ma non guardo mai nessuno dei due
    il primo perchè c'è internet che mi basta
    il secondo per paura di rovinarlo
    che lo tengo come una reliquia.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Il titolo è esatto...ce l'ho anch'io! È un cofanetto composto da 5 volumi, giusto? :)

      Elimina
  6. Argomento scottante , visto che ho le mani in pasta :) io attingo dalle ricette di famiglia. .. e al mio intuito creativo...beh ultimamente latita..ma lo ritroverò :)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Di solito non lo si perde mai cara Annastella...rimane sopito magari, ma poi si risveglia :)

      Elimina
  7. Ciao Sontyna, una volta compravo sempre libri e riviste settimanali o mensili, in casa ne ho mensole e cassetti pieni, ma ora non li uso più, preferisco fare le solite ricette che ci piacciono e che so a memoria; e poi non siamo grandi mangioni. Io per esempio a mezzogiorno mangio solo uno yogurt e un frutto, poi alla sera un piatto di pasta o di legumi e via…
    Io non mangio carne, mio marito si accontenta e mangia quello che mangio io, e mio figlio mangia solo le sue cose, che sono veramente poche, si contano sulle dita di una mano.
    Il tuo libro è molto bello, ma non ho capito cosa c’entrano le pellicce nel mezzo… :-)
    Un bacio e buona serata

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ahahahah Betty! Le pellicce c'entrano come c'entra il detersivo! Ergo, la pubblicità imperava anche nel 1965 ;)

      Elimina
  8. Bellissimo! E poi c'è anche il lato affettivo che lo rende prezioso. Io ne ho parecchi di libri di cucina e anche una mini-enciclopedia però ultimamente se devo cucinare qualcosa di speciale cerco in Internet. Ci sono dei blog di cucina davvero straordinari e anche dei video dove si possono apprendere le tecniche dei grandi cuochi.Anche se gli ingredienti segreti sono come sempre la passione per quello che si fa e l'esperienza.
    Buona giornata
    Gio

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Hai ragione Gio...a volte i video di ricette sono una mano santa, specie per le zuccone come me :))

      Elimina
  9. E' proprio vero, ogni giorno non si sa cosa mangiare, neanche mia madre che ogni volta non sa cosa cucinare ;)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Come la capisco la tua mamma caro Pietro!

      Elimina
  10. ..Che meraviglia Sontyna!! Oltre a lato affettivo , tanti bei ricordi , anche tante ricettine buone!!!
    A me piace cucinare, ma ogni tanto sbircio nell'agendina della mia cara nonna per preparare qualcosa di buono e genuino con i sapori di volta!! Un bacione Manu

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Hai detto bene cara Manu...."i sapori di una volta" sono sempre i migliori! Un abbraccio

      Elimina
  11. sempre ottime le ricette vecchie che evocano ricordi!!!Baci Sabry

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Anche i ricordi fanno la loro parte! Bacione cara Sabry

      Elimina
  12. Mode a parte, quello che resta in libreria sono i volumi che mia mamma mi ha passato e altri, di base, molto semplici, alla vecchia maniera... Non ho il Cucchiaio d'Argento, ma so che è molto apprezzzato :)

    RispondiElimina
  13. A proposito di moda: mi è stato proposto oggi un beverone detossinante che racchiude credo almeno 2 chili fra frutta e verdura doc. Buono, non c'è che dire. Ottimo come happy hour, solo che adesso dovrei usarlo come sostitutivo della cena... Mah...

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ossignùr...tempo fa ho provato i cosiddetti beveroni sostitutivi: ho resistito 48 ore e poi mi son divorata una carbonara galattica :))

      Elimina
  14. Per quanto sia un mondo che non mi appartiene quello della cucina,è bello poter conservare ricordi affettuosi di famiglia...consuetudini che si passano di generazione in generazione.Una memoria senza tempo...
    Un bacione
    Ale
    http://alespinkfairytale.blogspot.it/

    RispondiElimina
    Risposte
    1. E' appunto il ricordo che rende più preziose quelle ricette ♥

      Elimina
  15. Stanno cambiando un sacco di cose... una volta si mangiava tutto, cose semplici. Ora sembra che siamo tutti un po' intolleranti, ho iniziato a mescolare farine, ho preso il riso integrale, il farro, il latte di soia. Cerco verdure bio... ma saranno bio veramente? Ciao cara, buona giornata.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Qui nel mio paese esiste una cooperativa che coltiva frutta e ortaggi bio....e confina con una superstrada.
      E ho detto tutto!
      Buona serata cara Ale

      Elimina